Categories
First Category

Comunicare il Lutto come fattore culturale di sviluppo.

Share this

Comunicazione, crescita e stereotipi.

Il covid-19 ha provocato più di un milione di morti, almeno quelli registrati, la maggior pare dei quali in paesi sviluppati. Un dato che va contro una tendenza a lungo consolidata. 

Paradossalmente in occidente la pandemia sta minacciando il settore tradizionale dei servizi funerari.

La pandemia sta inducendo le persone che vivono nei Paesi sviluppati ad adottare approcci aperti e pragmatici alla morte, una cosa meno insolita nei paesi in via di sviluppo dove, a causa di povertà, sanità scadente, strade pericolose e conflitti armati le persone sono più a stretto contatto con la morte.

Immagine che contiene interni

Descrizione generata automaticamente

D’altro canto in Occidente molte persone temono ospedali e case di riposo per paura di essere contagiate dal virus o di contribuire a mandare in sofferenza i servizi sanitari. A causa delle regole rigide sulle visite ai propri cari molti pazienti sono riluttanti a trascorrere gli ultimi giorni in istituti.

Culture differenti:

Gli acholi dell’Uganda settentrionale non si sforzano affatto di tenere il lutto fuori dalla vista: gli anziani del villaggio si incontrano per parlare del sostegno alle famiglie e le lapidi degli antenati sepolte nei terreni di famiglia sono importanti indicazioni di proprietà. In effetti, un motivo per cui è difficile contare i decessi provocati dal covid-19 nei paesi poveri è che molte vittime muoiono nelle loro case.

Con l’aumento dei redditi, in Uganda settentrionale le famiglie hanno iniziato a rivolgersi a servizi funebri professionali perché facessero tutto al posto loro, stampando in alcuni casi delle t-shirt con il volto del defunto.

Paradossalmente in alcune parti del mondo in via di sviluppo il covid-19 potrebbe portare a una svolta in senso secolare: in Medio Oriente i luoghi di culto sono stati evitati perché focolai di contagio. Il lutto è stato trasferito online, dove le autorità religiose arrivano con minore facilità. In Iran c’è talmente tanta rabbia contro i religiosi al potere per la gestione raffazzonata della pandemia che le persone in lutto adesso postano poesie invece che versetti sacri.

I risvolti economici oggi:

A peggiorare le cose per le imprese di pompe funebri c’è il divieto di assembramento. I familiari stanno posticipando le commemorazioni, e le agenzie, in alcuni Paesi più sviluppati, hanno iniziato a offrire delle opzioni in streaming, che però riducono le liste degli ospiti dal vivo.

Immagine che contiene candela

Descrizione generata automaticamente

Questa tendenza potrebbe proseguire anche quando il virus sarà passato: le persone a lutto che non sono particolarmente religiose di solito optano per cerimonie più semplici e la quantità di americani per i quali avere un funerale religioso è molto importante è scesa dal 50 per cento del 2012 al 35 per cento del 2019.

Se effettivamente il covid-19 stesse costringendo le persone del mondo ricco a iniziare a pensare e a parlare del Lutto in modi più aperti e pratici, sarebbe riuscito in un’impresa con cui medici, avvocati, impresari di pompe funebri e psicologi sono alle prese da decenni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *